martedì 19 marzo 2013

Stracotto d'asino ~ Staub

Abbiamo trascorso gli ultimi fine settimana fuori casa trascurando il blog, la posta elettronica, i messaggi ma dedicandoci un po' a noi, al piacere di stare insieme non solo con le mani in pasta ma anche nella terra e tra le foglie secche cadute durante le ultime fredde, pungenti e ventose giornate invernali.

Anche la scorsa Domenica, tra le mille faccende domestiche, il mio planning mentale mi ricordava di dovermi dedicarmi ad una nuova ricetta da condividere e che tenevo in archivio da tempo, ma improvvisamente un forte colpo, un pianto hanno spento i nostri sorrisi e tutti i buoni propositi.

La piccola Sofia è caduta. Inizio solo ora a riprendermi dallo shock anche se non riesco a trovare pace: se solo le fossi stata vicina in quell'istante avrei potuto evitare che si facesse male. Se. Oggi tutto è tornato semplicemente nella norma grazie alla capacità dei bambini di reagire con totale spontaneità anche durante le situazioni più difficili. Certo è che il suo dolce sorriso, senza quel piccolo bianco dentino, oggi è ancora più speciale.

Tutto è tornato alla normalità ed io riprendo dal punto in qui ci siamo interrotti: la ricetta del giorno è decisamente invernale, rustica e tradizionale caratterizzata da una doverosa cottura lenta e prolungata, immancabilmente in cocotte Staub.




Dosi ed Ingredienti per 8 persone
1.5 kg di asino - polpa per stufato a bocconcini
vino rosso fermo e corposo
2 coste di sedano
5 grosse carote
1 cipolla bianca
olio extravergine di oliva
5 foglie di alloro
semi di anice (oppure finocchietto)
bacche di ginepro
sale grosso
brodo vegetale





Disponete i bocconcini di carne in un'ampia pirofila: cospargete con un cucchiaio di semi di finocchietto, un cucchiaino di bacche di ginepro ed irrorate con il vino rosso fino a ricoprirli. Unite 3 foglie di alloro incise. Coprite con pellicola trasparente e fate riposare per circa un paio di ore a temperatura ambiente. 

Tritate il sedano, le carote e la cipolla molto finemente.

Preparate un paio di cucchiai di olio extra vergine in una cocotte.

Una volta che la carne avrà assorbito i profumi delle spezie e del vino, trascorso il tempo di marinatura, tuffate i bocconcini nella cocotte. Fate cuocere per qualche istante a fuoco alto, abbassate la fiamma, unite il trito di sedano, carota e cipolla, irrorate con abbondante brodo vegetale e cuocete lentamente ed a fiamma dolce per almeno 3 ore. Unite il sale,se necessario ed il brodo nel caso dovesse asciugarsi eccessivamente. Servite con alcune fette di polenta e decorate con profumate foglie di alloro.




Vi ringrazio per il costante sostegno !

Una buona giornata a tutti voi !

Carolina

28 commenti:

  1. ho assaggiato le bistecche d'asino in Sardegna, da noi non si trova la carne del povero somarello. questa ricetta mi sembra speciale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ... se ci penso anche a me fa tanta tenerezza il povero somarello :) Grazie, baci !

      Elimina
  2. Anche mio figlio cadendo si ruppe un sentono, per fortuna ricrescono! Mai mangiato l'asinello, ma se ho capito bene dopo la marginatura butti via il vino e lo cuoci nel brodo vegetale, come mai non nel vino stesso della marinatura?
    Belle le foto, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, cara ... speriamo :) Preferisco utilizzare il brodo per dare un sapore non troppo forte ... ovviamente sarebbe anche possibile filtrare il vino della marinatura ed utilizzarlo per la cottura della carne ... Baci!!

      Elimina
  3. oddio povero asino...no, non l'ho mai mangiato, non so se potrei, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... uff ... adesso mi sento terribilmente in colpa per il povero asinello !! In effetti ci sono alcune carni che non riesco a mangiare come quella del coniglio che è un animale al quale sono molto affezionata ... Buona Domenica !!!

      Elimina
  4. Ciao Carolina, non ti rimproverare troppo per la caduta di Sofia...le cose succedono e basta, i se e i ma non sono di grande aiuto, ensa positivo, pensa che ora sta bene!!!!! Ti abbraccio e ti faccio i complimenti per questa bellissima ricetta, non ho mai mangiato l'asino, ma mangio di tutto e se lo trovo non mancherò occasione, a presto!!!! Foto bellissime! Maddy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Maddy, Buondì! Ti ringrazio per le belle parole ... i giorni sono passati dalla caduta ed in effetti la piccola sta decisamente meglio, è felice e noi abbiamo ritrovato un po' di serenità !! Un abbraccio

      Elimina
  5. che sollievo sapere che la piccolina stia meglio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici ... il giorno successivo mi tremavano ancora le gambe !!! :) Kisses

      Elimina
  6. Piccolina, chissà che spavento! Come ti capisco.. con i piccoli bisogna avere mille occhi!
    ottima ricetta :)
    baci ficoeuva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So bene che puoi capirmi !!! Ed ora pensa, le dico in continuazione "corri piano" !!! E lei mi guarda stupita e mi risponde "Mamma, non posso correre ... piano!!!" Un bacio

      Elimina
  7. Un piatto decisamente adatto a questo tempo che di primaverile non ha nulla!
    Capisco il tuo spavento...i bimbi sono imprevedibili e appena giri gli occhi un attimo...ma hanno anche grandi capacità di ripresa, per fortuna!
    Tantissimi auguri di Buona Pasqua!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E la Primavera sembra non arrivare ... sono due giorni che si gela e mi è anche venuto il mal di gola :(

      Elimina
  8. Mi dispiace per la tua piccola!!
    Dicono i nonni che i bambini sono di gomma, quando cadono non piangono per il male ma per paura.
    presto si dimenticherà di tutto.
    Mi piace la ricetta è molto interessante.
    Ti ringrazio di cuore per essere passata da me.
    Ti auguro una bella settimana.
    Incoronata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, mia cara ... in effetti lei si è ripresa subito :) Un abbraccio , a presto :)

      Elimina
  9. Ma dai! Questa ricetta è una novità...sarà che l'asino non avrei mai immaginato di mangiarlo..ma ora... Bravissima Carolina, proprio brava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Meris ... benvenuta !!! Sono felice che tu abbia ricambiato immediatamente la visita !! Purtroppo la ricetta staziona sul blog da troppi giorni ormai ... ma è ora di qualche cosa di nuovo !!! A brevisssimo :) Baci

      Elimina
  10. molto molto bello il tuo blog, grazie per essere passata a trovarmi e avermelo fatto conoscere!!
    Lo stracotto lo conoscevo ma non l'ho ami mangiato, so che è molto buono e il tuo è davvero invitante! buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Giulia, Grazie ... auguro una felice giornata anche a te !

      Elimina
  11. Ti seguo anche io con piacere. Credo proprio che proverò a fare questa ricettina, mi ispira.

    RispondiElimina
  12. Ciao. Sto tentando di inviarti una mail ma mi dice sempre che l'indirizzo di posta è sbagliato. Mi scrivi tu?
    Grazie
    carpi.meris@libero.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Meris !!! Ti ho scritto :) a presto Carolina

      Elimina
  13. Ciao carissima Carolina. Queste famose cocotte staub che compaiono in diverse tue ricette, dove posso acquistarle????? Grazie e a presto. Elena collega rappresentante di classe :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena, potrai trovare una vasta gamma di articoli Staub presso Coltelleria Collini a Busto Arsizio ... Chiedi di Deborah (la titolare) e fai il mio nome ... (riceverai così un trattamento sicuramente favorevole !!) :) baci e Notte

      Elimina