mercoledì 13 febbraio 2013

Chiacchiere alla Grappa di Moscato

ed il nostro Carnevale in cucina.

Una vecchia scatola di latta, ritrovata aprendo per caso le ante di un mobiletto nascosto nel sottoscala.
Noi, tutti riuniti nella cucina bianca e verde della nonna bis, raccolti attorno al tavolo, leggermente infarinati ed attenti nella preparazione di una merenda in tema con il Carnevale che verrà …
Un ricco impasto dall’aroma di limone e grappa al moscato era pronto per essere steso.
La finestra, socchiusa, avrebbe a breve permesso il diffondersi di un delizioso profumino per la via …




La ricetta, custodita su un pezzetto di carta volante, recita:
½ kg di farina manitoba
4 uova – di cui 3 intere ed 1 tuorlo
70 gr di zucchero
50 gr di burro fuso
½ bicchierino di grappa al Moscato
½ bicchierino di Moscato Brut "Oppidum" Sant'Andrea
1 bustina di vanillina
La buccia grattugiata di un limone non trattato
Olio di semi di girasole e olio d’oliva per friggere





Impastate tutti gli ingredienti partendo dalla farina disposta a fontana sulla tavola, le uova, lo zucchero, il burro fuso, la vanillina, la scorza del limone, la grappa ed il vino. Avvolgete l’impasto nella pellicola trasparente fino al momento di utilizzarlo.

Disponete un filo di farina sul piano di lavoro, sarà necessario per adagiarvi le sfoglie di pasta.

Azionate la macchina per stendere la pasta fresca, suddividete l’impasto in circa 5 porzioni ed iniziate a stenderlo.

Nel frattempo preparate l’olio (½ porzione di semi e ½ porzione di oliva) in una pentola adatta per la frittura (potreste utilizzare anche una pentola wok) ed iniziate a portarlo a temperatura.

Con una rotella dentellata ricavate dei rettangoli, incideteli al centro e fate passare un lato del rettangolo nel taglio centrale.

Otterrete così una sorta di nodo. Friggete le chiacchiere fino a quando avranno assunto una leggera doratura, scolate prima su carta assorbente e poi disponete su un vassoio. Cospargete di abbondante zucchero a velo e lasciate raffreddare.

Ora non mi resta che ricominciare a friggere in attesa del Carnevale che ci attende …




Vi auguro di trascorrere un’ allegra e dolcissima giornata

Carolina

p.s. Dimenticavo l’attività di bricolage con i bambini: la realizzazione del casco da astronauta e la maschera di Peppa Pig !!

Vi terrò aggiornati …

30 commenti:

  1. Che tesoro di donna sei???? Mi piace venire e qui e leggermi le tue parole, mi fai sentire a casa, in quelle cucine magari un po disordinate con tanta farina e zucchero in giro ma perfette assolutamente perfette e mi piace pensarti un po vecchio stampo ma soche forse sei anche così, insomma mi piace da morire tutto quello che fai, compreso questo post e questa ricetta!!!! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce Ely, mi sono quasi emozionata nel leggere le tue parole ... grazie ! E' bello sapere che ti senti a casa, qui !! La cucina della nonna non è una semplice cucina, ma molto di più: è stata la culla della mia infanzia, la tavola della Domenica, il divanetto vecchio stile che mi ha coccolata quando ero malata ... potrei proseguire con la lista ma è il caso che mi fermi ... Ed io,in quella cucina, mi trovo così bene perchè in fondo in fondo, come dici tu, sono un po' "vecchio stampo".Un abbraccio :)

      Elimina
  2. Le vecchie ricette sono le migliori.
    Complimenti
    Ciao
    Robi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono quelle che ci emozionano maggiormente ... a presto Robi !

      Elimina
  3. Carol, detto, fatto, cavoli buone e belle queste chiacchiere...e la scatola un'amore.Ho un'amore sfrenato x le vecchie scatole di latta,mi ricordano l'infanzia!!
    Brava Mammina.
    PS.Complimenti a Steve, foto bellissime.
    SILVIA S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... le scatole di latta hanno un fascino particolare ... e come mi dicevi, hanno un sapore antico, ci ricordano le nonne ed io, non a caso, l'ho ritrovata in un vecchio armadietto ... Baci

      Elimina
  4. che meraviglia mia cara....la storia, la scatola e le chiacchiere....un suoer baciotto

    RispondiElimina
  5. Sei in tesoro .. Le tue parole, le tue foto e' tutto delicato e fiabesco :-)
    Sono curiosa di sapere di più sul tuo progetto ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao tesorin ... dunque ... il progetto è il nostro sogno e come tale credo resterà chiuso in un cassetto ancora a lungo ... Baci e notte alla piccola Sofi :)

      Elimina
  6. Che meraviglia! Il tuo blog è veramente splendido, molta cura nelle foto e bellissime ricette!

    Golosissime queste chiacchiere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Clematis ... grazie per i complimenti :) a presto ...

      Elimina
  7. Bellissime chiacchiere.. io le adoro!
    Salvo la ricetta... sono spettacolari le tue..
    Buona giornata!
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche noi qui abbiamo fritto per due week-end ... ora ci attendono ricette un pochino più leggere !! buona serata ...

      Elimina
  8. fantastica quella scatola e magnifiche le chiacchiere!!!!!!!!!!! ^_^

    RispondiElimina
  9. gonfissime croccanti.. una delizia! Io poi le mangerei tutto l'anno, bellissime anche le foto, complimenti! grazie di esserti unita al mio blog, contraccambio con piacere! a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Batù, ti ringrazio per la visita ... anche noi qui non smetteremmo mai di farle !! Un bacio

      Elimina
  10. Ciao Carolina, ma perché poi le chiacchiere che sono così buone si fanno solo a Carnevale? Capisco che a ferragosto possano non essere indicate, ma a novembre, dicembre, gennaio.... un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...appunto, ci sono ricette legate solo a determinati periodi dell'anno ...peccato che il carnevale duri troppo poco ... bhè potremmo lanciare la moda delle "ricette fuori stagione" ... Baci

      Elimina
  11. Ma che bella quella scatola di latta, e chissà che profumo di cose antiche ha! Sono contenta di aver scoperto il tuo blog, è splendido e ho trovato un sacco di ricette mooolto invitanti!
    Queste chiacchiere, bè.. non hanno bisogno di commenti! Però non le ho mai fatte con la farina manitoba, cambia qualcosa dall'impasto classico con la 00?
    Ciao:)

    RispondiElimina
  12. Ciao :) Ti ringrazio per essere passata a trovarmi ! La ricetta prevedeva la farina manitoba, che in realtà non utilizzo spesso, anzi cerco di evitare ... comunque pur essendo l'impasto privo di lievito grazie alla presenza delle uova e della farina manitoba ricchissima di glutine le chiacchiere si sono gonfiate moltissimo ... extra leggere e croccanti !! A presto...

    RispondiElimina
  13. la scatola, eccola, fantastica come le tue chiacchiere!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara ... sono felice di sapere che sei subito corsa a dare una sbirciatina ... Grazie :) baci

      Elimina
  14. Complimenti davvero per il tuo blog e per questa splendida ricetta accompagnata da una bellissima scatola vintage...adoro il vintage!
    Se ti va passa a trovarmi! A presto baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Monica, ti ringrazio per il messaggio ... arrivo subito da te !

      Elimina
  15. che meraviglia il racconto ed il sapore che sa evocare...quella scatola racchiude una magia!
    baci
    ficoeuva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao a tutta la Family !! Grazie ... sapori magici ed antichi :) baci

      Elimina
  16. Che bel blog grazie della vistita ti seguo anche io un abbraccio karina
    http://assaggi-incucina.blogspot.it/

    RispondiElimina